Corso sul poetico in letteratura

17-19 maggio 2024 – In presenza a Bari, nel weekend

Il grande scrittore rumeno Mircea Cărtărescu, più volte in odore di Nobel, in una recente intervista con Nicola Lagioia durante cui gli veniva domandato come affrontare la complessità del nostro tempo, rispondeva in modo sorprendente. “Oggi, tutti i campi della conoscenza diventano poesia, come in una grande conciliazione somigliante al sincretismo originario. La religione è poesia, la filosofia è poesia, la matematica è poesia, l’arte è poesia, la scienza è poesia. Poiché la poesia è il presentimento incantato di certi territori in cui non arriveremo mai”.

Non dunque la poesia come genere letterario, o almeno non solo quello, ma il “poetico” quale dimensione dentro cui far muovere le nostre migliori energie creative ed esistenziali. Cos’è dunque questo sentimento, questa attitudine, questa disposizione dell’animo, questa disciplina, questa possibilità, questa soglia da attraversare per affrontare in modo sempre nuovo la scrittura di un romanzo, di una sceneggiatura, di un testo teatrale, la creazione di un gruppo di lavoro, la rinascita di una fiera editoriale, la costruzione di un festival cinematografico, la nascita di una rivista letteraria? Lo scopriremo nel fine settimana dedicato al poetico in letteratura, tra lezioni e laboratori.

 

Cosa distingue questo percorso

Si tratta di una proposta originale nei contenuti così come nella partecipazione perché prevede confronti, sperimentazione e la possibilità di scrivere e mettersi in gioco.

 

Il corso

A caccia dell’invisibile sarà in presenza a Bari dal 17 al 19 maggio.

Inizio: 17 maggio alle 16.00

Fine: 19 maggio alle 13.00

 

Programma

Lezione con Nicola Lagioia
Venerdì 17 maggio 16.00-19.00

Nicola Lagioia, dopo 25 anni trascorsi a scrivere libri e sceneggiature, a lavorare come editor in diverse case editrici e selezionatore nei festival cinematografici, a fondare e coordinare riviste culturali, a dirigere fiere del libro e a condurre trasmissioni radiofoniche, racconta perché il “poetico” (questa frequenza con cui sintonizzarsi perché ogni istante del proprio tempo valga la pena di essere speso) è non importante, ma fondamentale per tutte queste attività, e per molte altre.

Lezione e laboratorio sulla poesia con Enzo Mansueto
Sabato 18 maggio 10.00-13.00

Alla base dell’intervento specifico sulla composizione poetica vi è la cognizione, tutt’altro che diffusa, che «poesia» non sia un genere interno a quella grande cosa che chiamiamo «letteratura», bensì – nell’arco dello sviluppo e della trasmigrazione plurimillenaria e su vari supporti di una più duratura «arte del discorso» –, un’attività immaginativa magmatica, che alimenta da sempre il codice non genetico della specie umana. Poetico è dunque semmai quell’arcigenere che comprende, nelle sue differenti attuazioni storiche, le forme mitologiche e psicogenetiche del discorso, da qualche millennio «letterate» e, solo per qualche secolo, tipografate. La sollecitazione odierna delle tecnologie digitali e multimediali ha reso quanto mai evidente questa provvisorietà contingente della scrittura stampata, reclamandone il superamento. Premesso un tale inquadramento teorico, la didattica della composizione poetica può attraversare i luoghi della retorica, della metrica, della topica tradizionale, rileggendoli alla luce di una emergente «seconda oralità» digitale, consentita dai new media, come dimostrano tante nuove forme, performative o condivise in rete, dell’arte poetica oggi (quando esse non siano una mera e banale trasposizione su altro medium della parola stampata). Non ultima, si opererà una riflessione intorno ai modi in cui il nuovo orizzonte tecnologico del linguaggio sta modificando le forme espressive convenzionali, anche quando queste continuano a offrirsi al lettore nelle forme convenzionali del libro, ossessionate dai fantasmi dei passati e dei futuri possibili. Con approccio laboratoriale, si solleciteranno una riflessione e una produzione creative, accompagnate dalla lettura e commento di testi da autori molto diversi, ma accomunati da un’esperienza erudita di sfondamento dei generi, da Samuel Beckett a Kenneth Goldsmith, da Lello Voce a Gabriele Frasca.

Lezione e laboratorio sulla scrittura cinematografica con Andrea Piva
Sabato 18 maggio 14.30-17.30

Lezione e laboratorio sulla scrittura cinematografica con Andrea Piva

“Ho imparato di più dai brutti film che da quelli belli”
Stanley Kubrick

La scrittura cinematografica è un linguaggio tecnico. Andrea Piva ci racconta in cosa differisce dalla scrittura saggistica e letteraria prima a livello teorico e poi attraverso alcuni esempi di cinema scritto: partendo da come *non* si fa, e indagandone i perché, ci guiderà verso quello che è considerato lo standard attuale di efficienza in sceneggiatura.

È LaCapaGira, il suo primo film, scritto da neofita del genere, a prestare il fianco come esempio negativo, mentre escerti della sceneggiatura di “The big short”, di Adam Mckay, ci mostreranno come si scrive l’eccellenza.

Confronto con Ilenia Caito sul poetico in letteratura
Domenica 19 maggio 10.00-12.00

Confronto con Ilenia Caito sul poetico in letteratura con letture in aula ed esercizi.

TDB - Lezione con Antonella Lattanzi sulla prosa poetica (online)
Online - Giorno e orario TBD

Tutto è poesia in letteratura. La letteratura o è poetica, o non è.

Ma cos’è il poetico in letteratura? È la scelta della lingua, dello stile, del ritmo, del montaggio, della partitura musicale dei paragrafi, delle singole parole – che non accade mai una volta per tutte ma va ripetuta costantemente, romanzo dopo romanzo, riga dopo riga. Queste continue scelte costituiscono il poetico in letteratura e sono lo spartiacque tra un buon romanzo e uno che non lo è. Come si costruisce, un mattone alla volta, questo poetico? Durante questa lezione ce lo chiederemo, ne parleremo, leggeremo testi di grandi scrittori che prima di noi si sono posti la domanda e, con fatica e devozione, si sono applicati per fabbricare una risposta scritta.

Docenti

Hanno visualizzato anche...

17 Mag 2024 - 19 Mag 2024
A caccia dell’invisibile

Il prezzo originale era: €300.Il prezzo attuale è: €190. IVA incl.

Contattaci
A caccia dell’invisibile