Come Scrivere Contenuti di Qualità per il Web

Home Blog Come Scrivere Contenuti di Qualità per il Web
Come Scrivere Contenuti di Qualità per il Web

Consigli e strumenti per scrivere contenuti di valore per il web

“Come scrivere contenuti di qualità per il web?” è una domanda che molti professionisti del digital marketing si pongono. L’importanza di creare contenuti efficaci e di valore, ottimizzati per i motori di ricerca e che rispondano alle esigenze del pubblico è un aspetto fondamentale per il successo online. In questo articolo, ci concentreremo su consigli e strumenti utili per creare contenuti per il web che siano non solo interessanti e coinvolgenti, ma anche ottimizzati in ottica SEO. Affronteremo temi come l’intento di ricerca, l’importanza dell’E-A-T (Expertise, Authoritativeness, Trustworthiness), l’analisi dei competitor, la user experience e molto altro ed il loro ruolo nella creazione di contenuti efficaci.

ragazza scrive contenuti di qualità per il web al computer

Come scrivere contenuti di qualità per Google?

Scrivere contenuti di qualità per il web è un requisito essenziale per essere competitivi nel panorama digitale. Ma cosa si intende esattamente per “contenuti di qualità”? E perché sono così cruciali per il ranking su Google?

Per rispondere a queste domande, dobbiamo considerare diversi elementi e fattori che contribuiscono a creare un contenuto di qualità. Prima di tutto, il focus deve essere sui bisogni e le esigenze del nostro target. È fondamentale indagare con gli strumenti giusti, osservare i dati e stabilire una strategia che risponda alle domande del nostro pubblico.

Ma la qualità dei contenuti non si limita al testo. Come afferma John Muller, Senior Search Analyst e a capo del team Search Relations presso Google: “Quando si tratta della qualità del contenuto, non intendiamo solo il testo dei tuoi articoli. È la qualità del tuo sito web generale. E questo include tutto, dal layout al design. Ad esempio, come presenti le cose sulle tue pagine, come integri le immagini, come lavori con velocità, tutti i fattori che entrano in gioco”.

Quindi, nella creazione di contenuti di qualità, dobbiamo considerare sia gli utenti – Google ci invita a “Creare contenuti utili, affidabili e pensati per le persone” – sia fattori relativi all’esperienza di navigazione più in generale.

Infatti, Google determina i risultati da presentare in risposta a una query sulla base di vari fattori: significato della ricerca, pertinenza del contenuto, usabilità delle pagine web e contesto e impostazioni. L’importanza data a ciascuno di questi fattori può variare in base al tipo di ricerca.

Per un approfondimento sul concetto di “qualità” secondo Google, potete consultare la guida di Google in merito, in cui vi sono numerosi spunti circa i criteri di valutazione del colosso circa i contenuti più utili per gli utenti. Un must-read per chiunque si occupa di comunicazione, SEO e branding in ambito digitale.

Scrivi per l’intento di ricerca

Per scrivere contenuti di qualità per il web, è fondamentale comprendere e rispondere all’intento di ricerca dell’audience. Ma cosa significa scrivere per l’intento di ricerca? In pratica, significa capire cosa le persone stanno cercando quando effettuano una ricerca su Google e creare contenuti che rispondano a quel bisogno specifico.

L’intento di ricerca è ciò che guida una persona quando digita una query in un motore di ricerca. Può essere trovare una risposta secca a una domanda ad esempio: “quante persone vivono in Italia?”, l’intenzione di comprare un prodotto, confrontare delle polizze assicurative, trovare la ricetta perfetta dei cinnamon rolls o trovare un particolare sito web. Ecco perché è fondamentale studiare le query per rispondervi adeguatamente.

Esistono diversi strumenti che possono aiutarti a individuare l’intento di ricerca, tra cui l’analisi delle parole chiave, la consultazione dei risultati di ricerca di Google (SERP), l’uso di Google Trends e molti altri.

Ad esempio se tu volessi scoprire qual è l’intento di ricerca per “cinnamon rolls“, potresti digitare la keyword cinnamon rolls in Google e controllare i risultati: se vedessi comparire delle ricette, potresti dedurre che l’intento di ricerca corrispondente a quella keyword è esattamente quello di trovare la ricetta dei cinnamon rolls perfetti.

Se invece comparissero dei risultati che spiegano cosa sono i cinnamon rolls, da quale tradizione culinaria derivano e come si sono diffusi, probabilmente l’intento di ricerca sarà informativo, ovvero significherebbe che l’utente vuole sapere tutto su questo dolce, ma non ha intenzione di prepararli.

Più verosimilmente nella SERP specifica per “cinnamon rolls” troverai un mix di questi risultati: ricette, articoli informativi, video ricette, immagini, posti dove mangiarli. Questo significa che il search intent è più sfumato e magari l’utente potrebbe volere informazioni sui cinnamon rolls e dopo che le ha trovate, potrebbe avere subito voglia di prepararli. Nel caso di keyword più specifiche come ad esempio “come scrivere contenuti di qualità per il web” la SERP potrebbe essere più semplicemente informativa, ovvero l’intento di ricerca di un utente come te, in questo caso, è quello di scoprire come scrivere dei contenuti di qualità, avere quindi a disposizione una guida, che sia testuale, audio o video, prima di mettersi a scrivere. Sulla base dell’intento di ricerca capirai cosa includere nel tuo contenuto, che formato avrà e così via. Oltre a questi strumenti, è fondamentale pensare alla persona per la quale stai scrivendo, un aspetto che approfondiremo in dettaglio in seguito.

Con il passare del tempo, Google ha affinato la sua capacità di comprendere l’intento di ricerca degli utenti. Oggi, grazie a vari aggiornamenti dell’algoritmo, il motore di ricerca è in grado non solo di riconoscere e correggere errori di ortografia, ma anche di comprendere l’intento di ricerca attraverso i sinonimi e l’analisi semantica delle pagine web.

Ricapitolando, se l’intento di ricerca è trovare una ricetta, Google mostrerà nei risultati di ricerca siti web con ricette dettagliate. Se l’intento è trovare un’immagine, Google mostrerà immagini correlate alla query. Se l’intento è trovare indicazioni stradali, Google mostrerà un risultato di Google Maps. Questi sono solo alcuni esempi di come Google risponde a diversi intenti di ricerca. Tieni bene a mente l’intento di ricerca prima di dedicarti al contenuto. 

Presta Attenzione ad E-A-T

Nel mondo del SEO e della scrittura per il web, E-A-T è un acronimo che ogni copywriter dovrebbe conoscere. Sta per “Expertise, Authoritativeness, and Trustworthiness”, ossia “Esperienza, Autorevolezza, Affidabilità”. Questi tre parametri sono fondamentali nelle linee guida di Google e giocano un ruolo cruciale nel determinare la qualità dei contenuti web: 

  • L’Esperienza si riferisce alla conoscenza o competenza in un determinato campo. Ad esempio, come abbiamo visto nel parlare di SEO e storytelling, se stai scrivendo un articolo sull’argomento “arte”, è importante dimostrare che hai una solida esperienza nel campo dell’arte. Se è il tuo primo articolo sull’arte, Google saprà che non hai esperienza in quel campo, lo stesso penserà un utente;
  • L’Autorevolezza si riferisce alla reputazione di una persona o di un sito web. Un sito web autorevole è un sito che ha guadagnato fiducia e rispetto nel suo campo. Dall’esperienza deriva anche l’autorevolezza. Se scrivi da sempre articoli sull’arte a hai guadagnato anche una certa fama facendolo, avrai anche una certa autorevolezza. Se non ce l’hai, ma per qualche ragione devi scrivere questo articolo sull’arte, potresti valutare di ospitare qualcuno che è realmente autorevole sul tema, ad esempio un critico d’arte, ospitandolo sul tuo sito web nella modalità del Guest Post o in modalità intervista.
  • L’Affidabilità riguarda la sicurezza e la credibilità di un sito web. Un sito affidabile è un sito di cui gli utenti possono fidarsi. Incidono sull’affidabilità ad esempio le recensioni, potresti pensare di implementare i commenti al tuo contenuto, o ancora le menzioni ricevute da tanti altri post, social o blog, 

Tra questi tre parametri, l’affidabilità è probabilmente il più importante. Tuttavia, non tutti i contenuti devono necessariamente rispondere a tutti e tre i parametri. L’importanza di ciascuno varia a seconda del tipo di contenuto. Ad esempio, per un articolo su un argomento medico, l’affidabilità potrebbe essere il parametro più importante. Per un articolo su un argomento di attualità, l’autorevolezza potrebbe essere più importante. E per un sito web e-commerce per l’acquisto di reti e materassi in memory, l’esperienza potrebbe essere più importante per rassicurarti di compiere l’acquisto giusto e “dormire sonni tranquilli”.

E non è finita qui: dopo l’update delle linee guida di dicembre 2022 E.A.T. è diventato E.E.A.T.  Experience, Expertise, Authoritativeness, Trustworthiness: Esperienza, Competenza, Autorevolezza, Affidabilità. Un criterio in più per cercare di classificare la qualità dei contenuti sul web e garantire che le pagine web siano sicure nel caso di contenuti YMYL (Your Money Your LIfe) ovvero contenuti che possono impattare sulla vita degli utenti in vari modi: salute fisica e mentale, finanza e così via.

Pubblica contenuti rilevanti

Pubblicare contenuti rilevanti è un aspetto fondamentale per chi desidera scrivere contenuti di qualità per il web. Questo significa che dovresti concentrarti su argomenti pertinenti alla tua attività e resistere alla tentazione di seguire i trend del momento che non hanno nulla a che fare con il tuo campo. Questo è importante sia per gli utenti, che cercano informazioni pertinenti e utili, sia per il ranking su Google.

Grazie alle indicazioni di Google e all’uso di strumenti SEO, è possibile trattare ogni sfaccettatura legata al tuo argomento principale e rispondere alle domande degli utenti. Ma cosa significa per Google “contenuto rilevante”? E come fa Google a capire se un contenuto è rilevante o meno? Un contenuto è considerato rilevante da Google se:

  1. Include le stesse parole chiave della query di ricerca. Tuttavia, questo da solo non è sufficiente, poiché pratiche come il keyword stuffing (ovvero l’inserimento forzato di parole chiave) sono scoraggiate da Google.
  2. Le parole chiave sono presenti in diverse sezioni del testo, come i titoli e il corpo del testo;
  3. Fornisce informazioni dettagliate e approfondite sull’argomento trattato.
  4. Risponde direttamente alle domande o ai bisogni degli utenti;
  5. È aggiornato regolarmente, dimostrando che le informazioni fornite sono attuali e pertinenti.

Ricorda, la rilevanza è fondamentale quando si tratta di scrivere contenuti di qualità per il web.

close up sulla mano di una persona che prende appunti su un quaderno di fronte al computer prima di scrivere un contenuto di qualità

Studia i competitor

Per scrivere contenuti di qualità per il web, è fondamentale studiare i tuoi competitor. Questa analisi dovrebbe essere correlata allo studio degli intenti di ricerca e delle query e parole chiave. Guardare ai tuoi competitor e ai loro contenuti può offrirti preziose informazioni su cosa funziona e cosa no nel tuo settore.

Studiare i tuoi competitor ti aiuta a differenziarti e a produrre contenuti unici, un aspetto che sia gli utenti che Google apprezzano. Ne abbiamo parlato nell’articolo sul content marketing e SEO: l’unicità del contenuto è infatti un fattore chiave nella produzione di contenuti di qualità. Non solo ti distingue dalla concorrenza, ma ti aiuta anche a costruire una forte reputazione nel tuo campo.

Ma come si fa ad analizzare i competitor? Ci sono vari strumenti che possono aiutarti in questo compito. SemRush e SeoZoom, ad esempio, sono due strumenti molto utili che ti permettono di analizzare i tuoi competitor e di ottenere preziose informazioni sulle loro strategie di contenuto. Altri strumenti che puoi usare sono Moz, Ahrefs e Buzzsumo.

Scrivi contenuti completi e soddisfacenti

Per scrivere contenuti di qualità per il web, è essenziale che questi siano completi e soddisfacenti. Questo significa che devono rispondere in modo esaustivo all’intento di ricerca dell’utente. Ad esempio, se un utente digita “come scrivere contenuti di qualità per il web”, il tuo contenuto dovrebbe fornire tutte le informazioni necessarie su questo argomento, correlando al testo anche altri tipi di informazioni che l’utente potrebbe cercare, come video tutorial, contatti di esperti, link a risorse utili, istruzioni dettagliate e così via.

La multimedialità gioca un ruolo chiave in questo contesto. Incorporare elementi multimediali nei tuoi contenuti può aiutare a mantenere alta l’attenzione dell’utente e a stimolare il suo interesse. Prendiamo ad esempio un blog post che include un video tutorial: questo non solo rende il contenuto più completo, ma aumenta anche le possibilità che l’utente rimanga sulla pagina più a lungo e interagisca con il tuo contenuto.

Un altro aspetto importante per creare contenuti completi e soddisfacenti è incoraggiare la partecipazione dell’utente. Questo può essere fatto attraverso i cosiddetti “User Generated Content” (UGC), come i commenti o la possibilità per l’utente di compilare un form o lasciare i propri contatti. Questo tipo di interazione rende l’esperienza del contenuto meno passiva e coinvolge attivamente l’utente, in un’ottica di co-creazione del contenuto. Ricorda, un utente soddisfatto è più propenso a condividere il tuo contenuto e a tornare sul tuo sito.

Tu cosa ne pensi?

Dai importanza alla user experience

Quando si tratta di scrivere contenuti di qualità per il web, dare importanza alla user experience (UX) è fondamentale. La UX non riguarda solo l’aspetto estetico del tuo sito web, ma anche la sua funzionalità e la facilità d’uso. Inoltre, Google considera la UX come un fattore chiave nel suo algoritmo di posizionamento.

Per migliorare la UX del tuo sito web, ci sono vari aspetti che devi considerare. Ad esempio, dovresti assicurarti che il tuo sito sia ottimizzato per i dispositivi mobili, dato che sempre più utenti navigano sul web utilizzando smartphone e tablet. La velocità di caricamento del tuo sito è un altro aspetto cruciale: un sito lento può frustrare gli utenti e farli abbandonare la tua pagina.

Google ha introdotto recentemente i Core Web Vitals, un insieme di metriche specifiche che aiutano a misurare la qualità dell’esperienza utente. Queste metriche riguardano aspetti come la velocità di caricamento, l’interattività e la stabilità visiva del layout.

Nel corso degli anni, Google ha fatto diversi aggiornamenti al suo algoritmo per dare sempre più importanza alla UX. Per approfondire questo argomento, puoi consultare la pagina dedicata alla page experience sul sito di Google

Parla al tuo target

Un altro aspetto fondamentale quando si scrive contenuti di qualità per il web è rivolgersi al proprio target. Ma cosa significa esattamente “target”? Nel marketing, il termine “target” si riferisce al gruppo di persone a cui un prodotto o un servizio è destinato e include caratteristiche perlopiù demografiche, il sesso, la capacità finanziarial, lo status. Tuttavia, più spesso si utilizza ormai il termine “buyer personas”, che rappresenta una descrizione dettagliata del tuo cliente ideale, includendo aspetti come interessi e comportamenti.

Quando scrivi contenuti per il web, è importante che tu parli direttamente al tuo target o alle tue buyer personas. Questo significa utilizzare un tono, uno stile e un registro linguistico adeguati. Ad esempio, se il tuo target sono giovani professionisti del digital marketing, dovresti utilizzare un linguaggio professionale e chiaro, fornendo informazioni dettagliate e approfondite.

Oltre al target, è importante considerare anche il contesto d’uso e lo scopo con cui l’utente fruirà del tuo contenuto, come vogliono le regole del content marketing. Questo ti aiuterà a decidere il formato più adatto (ad esempio, un post di blog, un video tutorial, una guida passo-passo), la lunghezza del contenuto e l’inclusione di elementi multimediali.

Infine, non dimenticare di considerare il tuo “tone of voice”. Il tone of voice o TOV non riguarda solo quello che dici, ma anche come lo dici. Un tono di voce coerente aiuta a costruire la tua identità di marca e a creare un legame con il tuo pubblico. Ricorda, parlare al tuo target non significa solo comunicare informazioni, ma anche coinvolgere emotivamente il tuo pubblico e creare una connessione con esso.

ragazza al computer si prepara a scrivere un contenuto di qualità

Scrivi secondo le regole del web writing

Se sei un content writer lo saprai già: scrivere contenuti di qualità per il web non è come scrivere per la stampa. Lo stile di scrittura è importante, ma non basta: web writing ha le sue regole e peculiarità. I contenuti devono essere leggibili, rintracciabili e condivisibili. Ma come si fa a rispettare queste regole?

Innanzitutto, è importante utilizzare i metadati in modo corretto. I metadati sono informazioni che descrivono il tuo contenuto e aiutano i motori di ricerca a capire di cosa parla il tuo articolo. Includono il titolo della pagina, la descrizione e le parole chiave.

Le parole chiave, o keywords, sono particolarmente importanti nel web writing. Devi utilizzarle in modo naturale all’interno del tuo contenuto, evitando pratiche scorrette come il keyword stuffing, ovvero l’inserimento eccessivo e innaturale di parole chiave nel testo.

Ecco alcuni consigli pratici per scrivere secondo le regole del web writing:

  • Crea contenuti originali: Google premia l’unicità e penalizza la duplicazione dei contenuti.
  • Struttura l’articolo con titoli e sottotitoli: questo aiuta la leggibilità e permette ai motori di ricerca di comprendere meglio il contenuto.
  • Utilizza le parole chiave in modo naturale: evita il keyword stuffing e inserisci le parole chiave nei punti strategici del tuo testo (ad esempio, nel titolo, nei sottotitoli, nel primo paragrafo).
  • Rispetta le content policy di Google: evita contenuti ingannevoli o manipolativi e rispetta le linee guida per webmaster di Google.
  • Rendi il tuo contenuto condivisibile: lavorare con i social è fondamentale — utilizza pulsanti di condivisione sui social media e incoraggia i tuoi lettori a condividere il tuo contenuto.

Ottimizza i contenuti secondo la SEO

Ottimizzare e strutturare i contenuti secondo le regole SEO (Search Engine Optimization) è fondamentale per garantire che il tuo contenuto sia facilmente rintracciabile dai motori di ricerca e quindi raggiunga un pubblico più ampio. Ma cosa significa esattamente “ottimizzare i contenuti secondo la SEO”?

La SEO è un insieme di tecniche e strategie volte a migliorare la visibilità di un sito web sui motori di ricerca. Si divide in due categorie principali: SEO off page e SEO on page.

Secondo il glossario SEO di Avantgrade, la SEO off page o SEO off site comprende tutte le attività di ottimizzazione svolte al di fuori delle proprie pagine web per aumentare l’autorevolezza e la popolarità del sito. Queste attività mirano principalmente a ottenere link, menzioni e recensioni e a sfruttare l’aumento della brand awareness e brand reputation attraverso la creazione di contenuti, iniziative ed eventi, attività di local SEO, social media marketing, forum, influencer marketing e guest posting.

D’altra parte, la SEO on page o SEO on site comprende tutte le attività di ottimizzazione svolte direttamente sulle proprie pagine web. Queste includono l’ottimizzazione dei contenuti attraverso il SEO copywriting, l’ottimizzazione delle immagini, l’uso di meta tag, il miglioramento della user experience, della struttura tecnica del sito e del crawling, la pratica di internal linking e la responsività mobile.

Un aspetto fondamentale della SEO è l’ottimizzazione per l’algoritmo di Google. L’algoritmo di Google è un insieme di regole che determinano la posizione di un sito web nei risultati di ricerca (SERP, Search Engine Results Page). Per ottimizzare i tuoi contenuti secondo la SEO, devi considerare come l’algoritmo di Google interpreta e valuta i tuoi contenuti.

Ricorda, la SEO non è un’opzione, ma una necessità se vuoi che il tuo contenuto raggiunga il tuo target e ottenga il successo che merita, e conoserne le regole o avvalersi di un SEO specialist per chi pubblica sul web e vuole creare contenuti di valore che siano visti da Google è fondamentale.

Inserisci immagini, video, call to action

Quando pensiamo a come scrivere contenuti di qualità per il web, dobbiamo considerare non solo il testo, ma anche gli elementi visivi e le call to action (CTA). Immagini, video, audio e CTA possono arricchire notevolmente il tuo contenuto e renderlo più interessante e coinvolgente per i tuoi lettori.

Gli elementi visivi come immagini e video possono rendere il tuo contenuto più facile da comprendere e più piacevole da leggere. Possono aiutare a mantenere alta l’attenzione del lettore e a spiegare concetti complessi in modo semplice e intuitivo.

Non solo, gli elementi visivi sono anche molto importanti per l’algoritmo di Google che utilizza questi elementi per capire meglio il contenuto della tua pagina e per rispondere meglio all’intento di ricerca degli utenti. Per esempio, se un utente cerca “come fare una torta”, Google potrebbe dare priorità ai siti che includono video tutorial o immagini passo-passo.

Le CTA, invece, sono fondamentali per guidare l’azione dell’utente. Una buona CTA può incoraggiare l’utente a iscriversi alla tua newsletter, a scaricare un tuo ebook o a contattarti per ulteriori informazioni.

Ecco alcuni esempi di come potresti utilizzare questi elementi nel tuo contenuto:

  1. Immagini: Puoi utilizzare immagini per illustrare i concetti chiave del tuo articolo o per rendere il tuo contenuto più attraente visivamente. Ricorda di ottimizzare le immagini per la SEO, includendo parole chiave nel file name e nell’alt text.
  2. Video: Un video tutorial o una presentazione possono essere un ottimo modo per spiegare concetti complessi in modo semplice e intuitivo. Puoi incorporare video da YouTube o Vimeo direttamente nel tuo contenuto.
  3. Audio: Se il tuo contenuto è basato su un’intervista o una conferenza, potresti considerare l’idea di includere un file audio. Questo può rendere il tuo contenuto più interattivo e coinvolgente.
  4. CTA: Inserisci una CTA alla fine del tuo articolo, incoraggiando i lettori a prendere un’azione specifica. Ad esempio, potresti chiedere ai lettori di iscriversi alla tua newsletter o di scaricare un tuo ebook gratuito.

Organizza i contenuti secondo un piano editoriale

Last but not least, concludiamo il nostro viaggio su come scrivere contenuti di qualità per il web, chiarendo l’importanza di organizzare questi contenuti secondo un piano editoriale. Un piano editoriale è uno strumento fondamentale per chiunque gestisca un blog o un sito web, poiché permette di programmare in anticipo i contenuti da pubblicare, garantendo così una costanza di pubblicazione e un flusso costante di nuovi contenuti.

Un buon piano editoriale dovrebbe tenere conto delle keyword rilevanti per il tuo settore e dovrebbe includere sia contenuti “evergreen”, che mantengono il loro valore nel tempo, sia contenuti più attuali e legati a eventi specifici. Inoltre, dovrebbe prevedere la possibilità di creare contenuti di approfondimento su temi particolarmente rilevanti per il tuo pubblico, ad esempio attraverso la tecnica del siloing: struttura dei contenuti a silos per cui da un articolo più generale si dipanano tanti link di approfondimento ad altri blog post più specifici. I silos permettono di affrontare temi importanti e di cui si ha competenza, autorevolezza, in modo molto dettagliato, aumentando anche il tempo di permanenza degli utenti sul sito e la loro soddisfazione. 

Quando si costruisce un piano editoriale, è importante considerare anche gli obiettivi del tuo sito o blog. Vuoi aumentare il traffico? Vuoi migliorare la tua posizione nei risultati di ricerca? Vuoi aumentare l’engagement dei tuoi lettori? Ogni obiettivo richiede una strategia di contenuto diversa.

Ci sono molti strumenti disponibili online che possono aiutarti a creare il tuo piano editoriale, come Trello, Asana o Google Sheets. Questi strumenti ti permettono di organizzare i tuoi contenuti in modo visivo e di programmare in anticipo la pubblicazione dei tuoi post.

In conclusione, con un buon studio preliminare di tutti gli elementi necessari visti in questo articolo e la creazione di piano editoriale, sarai in grado di creare contenuti di qualità per il web, interessanti e rilevanti per il tuo pubblico, migliorando così la tua visibilità online e raggiungendo i tuoi obiettivi di marketing.

Approfondisci la tua passione per le storie con il corso Il giro del mondo in 12 libri. Un weekend per esplorare i grandi romanzi che hanno fatto la storia della letteratura insieme a esperti del settore.

Articoli recenti dal blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *