SEO Copywriting: Cos’è e Come Farla

Home Blog SEO Copywriting: Cos’è e Come Farla
SEO Copywriting: Cos’è e Come Farla

Guida al SEO copywriting per il 2024: come posizionarsi sui motori di ricerca

In questa guida andremo alla scoperta del SEO copywriting, un’attività che si concentra sulla creazione di contenuti specifici per i motori di ricerca che soddisfano contemporaneamente i bisogni degli utenti. Il SEO copywriting si rivela una disciplina sempre più centrale nel panorama del digital marketing, un aspetto dal quale le aziende non possono prescindere se vogliono creare contenuti che non solo compaiano nelle prime posizioni per le parole chiave ricercate, ma che siano anche in grado di trasformare i visitatori in acquirenti. Percorriamo insieme questo viaggio nella SEO copywriting, scoprendo tutte le tecniche e le strategie per ottimizzare al meglio i nostri contenuti.

lente diingrandimento su scritta SEO come simbolo del focus sul seo copywriting

SEO copywriting: cos’è?

La SEO copywriting è una pratica che unisce l’arte della scrittura persuasiva con l’ottimizzazione per i motori di ricerca. Questa disciplina si concentra sulla produzione di contenuti ottimizzati con parole chiave, progettati per attrarre sia gli utenti umani che gli algoritmi dei motori di ricerca. In altre parole, come riportato nella definizione di Backlinko.com, la SEO copywriting è l’atto di scrivere contenuti che Google può comprendere e, allo stesso tempo, che gli utenti vogliano leggere, linkare e condividere.

Un testo SEO friendly è quindi un contenuto che si rivolge sia all’utente, cercando di soddisfare i propri bisogni, che ai motori di ricerca, cercando di rendere comprensibile il senso del contenuto alla “macchina” e al suo algoritmo. Questo rende la SEO copywriting una disciplina sfidante e complessa, in quanto richiede un equilibrio tra creatività e tecnicità. L’obiettivo finale è creare contenuti che non solo rispondano alle query degli utenti, ma che siano anche interessanti, coinvolgenti e in grado di guadagnare visibilità sui motori di ricerca.

La parola chiave non è solo uno strumento di ottimizzazione, ma il cuore pulsante di una storia che attende di essere raccontata. Esplora il potere delle parole nel trasformare la visibilità in valore aggiunto per il tuo marchio.

Approfondisci il ruolo della narrazione nella strategia digitale partecipando al Storytelling Festival 2024, dove la SEO incontra l’arte dello storytelling.

Qual è la differenza tra copywriting e SEO copywriting?

Il copywriting è una forma di scrittura persuasiva che ha come obiettivo principale quello di indurre gli utenti a compiere un’azione specifica. Questo tipo di scrittura richiede precisione, efficacia e una notevole capacità di problem solving in modo creativo. Gli elementi chiave come le caratteristiche del prodotto o del servizio, i vantaggi e il prezzo vengono combinati in un testo convincente che spinge il consumatore a convertire e si serve dello storytelling per essere accattivante. Il testo diventa quindi il mezzo attraverso il quale si comunicano questi aspetti e si trasmette il valore ai potenziali clienti.

La SEO copywriting, invece, condivide gli stessi obiettivi del copywriting, ma aggiunge un ulteriore livello di complessità. Oltre a essere persuasiva e coinvolgente per l’utente, la SEO copywriting mira anche a rendere i contenuti comprensibili ai motori di ricerca. Questo significa che il contenuto deve essere scritto in modo tale da essere facilmente indicizzabile dai motori di ricerca e quindi ben posizionato all’interno delle SERP (Search Engine Results Page). È questo il ruolo di un SEO specialist: mentre il copywriting si concentra principalmente sull’utente, la SEO copywriting tiene conto sia dell’utente che dei motori di ricerca.

Perché il SEO copywriting è importante?

Il SEO copywriting gioca un ruolo fondamentale nelle strategie di content marketing. Questa pratica si rivela essenziale per una serie di motivi. Prima di tutto, consente ai siti web di posizionarsi nei primi risultati dei motori di ricerca per le parole chiave target. Questo significa che più persone vedranno il tuo sito e avranno la possibilità di interagire con i tuoi contenuti, aumentando così la visibilità del tuo brand e potenzialmente generando più conversioni.

Inoltre, un buon SEO copywriter non si limita a ottimizzare i contenuti per i motori di ricerca, ma si concentra anche sulle esigenze e le intenzioni dell’utente. Creare contenuti di qualità per il web che rispondano direttamente alle domande o ai bisogni degli utenti non solo migliora l’esperienza dell’utente sul tuo sito, ma aumenta anche la probabilità che compiano l’azione desiderata, che sia l’acquisto di un prodotto, l’iscrizione a una newsletter o la condivisione del tuo contenuto.

In sintesi, il SEO copywriting è un’attività chiave per garantire che i tuoi contenuti siano non solo visibili e comprensibili per i motori di ricerca, ma anche rilevanti e coinvolgenti per il tuo pubblico target.

SEO Copywriting: Guida e Consigli

Prima di addentrarci nel cuore della materia, è importante sottolineare che il SEO copywriting non è un’attività da improvvisare. Richiede una conoscenza approfondita di diverse tecniche e strategie, nonché un costante aggiornamento sulle novità del settore. In questa guida al SEO copywriting, forniremo consigli pratici e suggerimenti utili per scrivere contenuti ottimizzati per i motori di ricerca in modo efficace. Ogni aspetto di questa materia verrà affrontato in maniera dettagliata e completa, per fornirti le basi per sperimentare con i tuoi primi contenuti SEO.

Se sei pronto a migliorare le tue competenze in SEO copywriting, continua a leggere!

Scrivere contenuti di qualità

Nonostante l’importanza delle keyword e dell’ottimizzazione SEO, è fondamentale non dimenticare l’importanza di creare contenuti di qualità. Non si tratta solo di scrivere contenuti originali e inediti, ma di creare contenuti di valore nel tuo piano editoriale che coinvolgano l’utente e lo facciano rimanere sul sito. Questo aspetto è talmente rilevante che influisce direttamente sul posizionamento nei motori di ricerca, come ammesso anche da Google stesso.

Uno degli indici presi in considerazione dai motori di ricerca è il cosiddetto “punteggio di qualità”. Questo punteggio non si basa solo sull’ottimizzazione del contenuto, ma anche sulla sua capacità di coinvolgere l’utente e fornire informazioni utili e pertinenti. 

A settembre 2023, Google ha lanciato l’update “Google’s helpful content update“, che sottolinea ulteriormente l’attenzione del motore di ricerca per la qualità dei contenuti. Come riportato nelle linee guida di Google: “Il sistema di contenuti utili nella Ricerca Google genera un indicatore utilizzato dai nostri sistemi di ranking automatici per garantire che le persone vedano nei risultati di ricerca contenuti originali e utili.”

Questa affermazione conferma che, da anni ormai, la qualità del contenuto è uno dei fattori più importanti di ranking, o posizionamento sui motori di ricerca. Perciò, quando si parla di SEO copywriting, non si può prescindere dal creare contenuti di alta qualità. Nei prossimi paragrafi, analizzeremo in dettaglio gli indici che vengono presi in considerazione per valutare la qualità di un contenuto.

Scopri come definire il tuo stile di scrittura.

CTR

Il Click Through Rate (CTR) è un fattore di ranking SEO di grande importanza. Si tratta della percentuale di utenti che cliccano su un link rispetto al numero totale di utenti che visualizzano la pagina dei risultati del motore di ricerca (SERP). Un CTR elevato indica che un gran numero di utenti ha trovato il tuo contenuto interessante e pertinente rispetto alla loro ricerca. Questa metrica è fondamentale non solo per il posizionamento, ma anche per comprendere l’efficacia dei metadati (Tag Title e Meta Description). Se questi elementi sono ben ottimizzati, avranno maggiori probabilità di attirare l’attenzione degli utenti e quindi di incrementare il CTR.

Bounce rate

Un altro fattore di ranking SEO di rilievo è il bounce rate, ovvero la percentuale di utenti che abbandonano il tuo sito dopo aver visualizzato solo una pagina. Questa metrica è fondamentale per Google, ma anche per chi si occupa di data analysis e content management, perché permette di comprendere se la pagina web risponde o meno alle necessità dell’utente. Se un utente, una volta atterrato sulla pagina web, ne uscirà rapidamente, Google interpreterà questo comportamento come un segnale che l’utente non ha trovato la risposta che stava cercando. Quindi, un bounce rate elevato può indicare che il contenuto della pagina non è pertinente o utile per l’utente, influenzando negativamente il posizionamento nei risultati di ricerca.

Time on Page

Il Time on Page è un ulteriore fattore di ranking SEO da considerare attentamente. Questa metrica indica il tempo medio che un utente trascorre su una specifica pagina del tuo sito. Un tempo di permanenza alto suggerisce che il contenuto della pagina è interessante e pertinente per l’utente, fornendo la risposta giusta al suo problema o alla sua domanda. Google, così come chi si occupa di data analysis e content management, tiene in grande considerazione questa metrica per valutare la qualità dei contenuti offerti. Se gli utenti trascorrono molto tempo su una pagina, è probabile che stiano trovando valore nel tuo contenuto, il che può portare a un miglior posizionamento nei risultati di ricerca.

mano inserisce targhetta seo sopra targhette delle sue componenti che riassumono le attività di seo copywriting

Individuare l’intento di ricerca

Prima di avventurarsi nella ricerca delle keyword per il tuo SEO copywriting, è fondamentale comprendere l’intento di ricerca dell’utente. L’intento di ricerca è il motivo per cui una persona esegue una determinata ricerca su Google. Può essere classificato in tre categorie principali: informazionale, navigazionale e transazionale

L’intento informazionale si riferisce a quando gli utenti cercano informazioni specifiche o risposte a domande. L’intento navigazionale si verifica quando gli utenti cercano un sito web specifico o una pagina specifica all’interno di un sito web. Infine, l’intento transazionale si riferisce a quando gli utenti cercano di effettuare un’azione, come acquistare un prodotto o iscriversi a un servizio.

Identificare correttamente l’intento di ricerca è essenziale per creare contenuti che soddisfino le esigenze dell’utente e, quindi, per ottenere un buon posizionamento nei risultati di ricerca.

Trovare le parole chiave: la keyword research

Un aspetto fondamentale del SEO copywriting è la scelta delle parole chiave, o keyword. Queste sono i termini che gli utenti inseriscono nei motori di ricerca e che dovrebbero corrispondere al contenuto del tuo sito. Per identificare le parole chiave più appropriate per il tuo contenuto, dovrai eseguire una keyword research.

La keyword research è un processo che ti permette di scoprire quali termini gli utenti stanno effettivamente cercando. Questo processo inizia individuando una “seed keyword”, un termine generico e ampio relativo al tuo settore o argomento. Da qui, analizzerai i volumi di ricerca, la competizione e altri fattori per creare un elenco di parole chiave rilevanti da utilizzare nel tuo contenuto.

Oltre alle keyword principali, dovresti considerare anche l’uso di keyword secondarie, long tail (parole chiave composte da più termini e molto specifiche), parole chiave correlate e co-occorrenze. Queste ti permetteranno di coprire un ampio spettro di potenziali ricerche degli utenti, aumentando le possibilità che il tuo contenuto venga trovato.

Nel corso dei prossimi paragrafi, esploreremo diversi strumenti che possono aiutarti in questo processo di ricerca delle parole chiave, ma prima di approfondirne l’utilizzo, hai mai pensato che anche l’intelligenza artificiale potrebbe aiutarti in quest lavoro? Se sei curioso di scoprire come, leggi la nostra guida all’uso di ChatGPT per la SEO.

Google Suggest

Uno strumento molto utile per la keyword research è Google Suggest, ossia la funziona di auto-completamento nella barra di ricerca. Questo strumento gratuito, direttamente integrato nel motore di ricerca di Google, fornisce suggerimenti di ricerca in tempo reale mentre stai digitando una query. Questi suggerimenti sono basati su ricerche reali effettuate dagli utenti e possono fornirti idee preziose per le tue parole chiave nel contesto del SEO copywriting.

Inoltre, guardare alle ricerche correlate in fondo alla pagina dei risultati di ricerca di Google, alle domande frequenti e ad altri elementi della SERP può aiutarti a comprendere meglio l’intento di ricerca dell’utente. Queste informazioni possono essere utilizzate per creare contenuti più pertinenti e utili per il tuo pubblico, aumentando le possibilità che il tuo sito venga trovato e visitato.

Semrush

Un altro strumento fondamentale nel mondo del SEO copywriting è Semrush. Questo software, pur essendo a pagamento, offre una serie di funzionalità che lo rendono uno dei migliori strumenti al mondo per chi si occupa di SEO. Semrush permette di analizzare in profondità le parole chiave, monitorare la posizione del tuo sito nei risultati di ricerca, esaminare i backlink e molto altro ancora.

Nonostante il costo, l’investimento in Semrush può essere estremamente vantaggioso per chi si occupa di SEO e SEO copywriting. Le informazioni dettagliate e i dati che fornisce sono spesso imprescindibili per sviluppare una strategia di contenuto efficace e per comprendere a fondo il panorama competitivo in cui si opera. Grazie a Semrush, potrai individuare le parole chiave più efficaci e ottimizzare i tuoi contenuti in modo da raggiungere il tuo pubblico target nel modo più efficace possibile.

SeoZoom

Se stai cercando un’alternativa più economica a Semrush, allora SeoZoom potrebbe essere la soluzione che fa per te. Questo strumento di SEO copywriting offre una serie di funzionalità utili per l’analisi delle parole chiave, l’analisi della concorrenza, l’ottimizzazione on-page e molto altro ancora.

SeoZoom è particolarmente apprezzato per la sua interfaccia intuitiva e per la sua capacità di fornire dati accurati e dettagliati, che possono aiutare a ottimizzare i tuoi contenuti e a migliorare la tua strategia di SEO. Nonostante il costo inferiore rispetto a Semrush, SeoZoom offre comunque un’ampia gamma di funzionalità che lo rendono un ottimo strumento per chi si occupa di SEO e SEO copywriting e SEO storytelling.

Strumento di pianificazione delle keyword di Google

Uno degli strumenti più utilizzati nel campo del SEO copywriting è lo Strumento di Pianificazione delle Keyword di Google. Questo strumento gratuito offerto da Google consente di scoprire nuove parole chiave correlate al tuo business o al tuo settore, fornendo anche informazioni sul volume di ricerca e sulla concorrenza per ogni parola chiave.

Lo Strumento di Pianificazione delle Keyword di Google è molto semplice da utilizzare: basta inserire una o più parole chiave o un URL, e lo strumento fornirà una lista di parole chiave correlate con relative statistiche. Queste informazioni possono essere estremamente utili per ottimizzare i tuoi contenuti e per sviluppare una strategia di SEO e content marketing efficace.

Ubersuggest

Un altro strumento molto apprezzato nel mondo del SEO copywriting è Ubersuggest. Questo tool, sviluppato da Neil Patel, è un ottimo alleato per chi vuole scoprire nuove parole chiave e comprendere meglio la concorrenza.

Ubersuggest offre una serie di funzionalità che vanno dalla ricerca di parole chiave, all’analisi della concorrenza, alla pianificazione dei contenuti. Inoltre, fornisce informazioni dettagliate su volume di ricerca, costo per click e livello di concorrenza per ogni parola chiave, rendendolo uno strumento molto utile per la pianificazione della tua strategia SEO.

AnswerThePublic

Nel panorama degli strumenti utili per il SEO copywriting, un posto di rilievo è occupato da AnswerThePublic. Questo tool online si rivela estremamente utile per comprendere quali sono le domande più frequenti che gli utenti si pongono su un determinato argomento.

Il funzionamento di AnswerThePublic è semplice ma efficace: inserendo una parola chiave, lo strumento genera una serie di domande che gli utenti hanno posto sui motori di ricerca in relazione a quella parola chiave. Queste informazioni possono essere fondamentali per creare contenuti che rispondano in maniera precisa e completa alle domande del tuo pubblico, migliorando così la tua strategia di SEO copywriting.

Creare la struttura del contenuto

Un passaggio fondamentale nel processo di SEO copywriting è la creazione della struttura del contenuto. Prima di metterti a scrivere, è infatti utile definire una struttura chiara e ordinata del tuo testo, delineando i vari paragrafi e sottoparagrafi e gli argomenti che saranno trattati.

Una struttura ben organizzata non solo rende il testo più leggibile per l’utente, ma è anche più facilmente comprensibile da Google. Questo può fare la differenza in termini di posizionamento sui motori di ricerca. Inoltre, una struttura ben definita ti aiuterà a mantenere un filo logico nel tuo discorso e a non dimenticare nessun punto importante. 

dati di traffico di un sito in un diagramma con traffico derivante da search engines come porzione maggiore grazie al seo copywriting

Ottimizzare il testo con le keyword

Una volta individuate le parole chiave più rilevanti per il tuo contenuto, è il momento di ottimizzare il testo con queste keyword. Questo passaggio è fondamentale nel SEO copywriting per assicurare che il tuo contenuto sia facilmente individuabile dai motori di ricerca.

Per farlo, è importante seguire alcuni consigli. Prima di tutto, evita la keyword stuffing, ovvero l’inserimento forzato e non naturale delle parole chiave nel testo: questa pratica è penalizzata da Google e può danneggiare il tuo posizionamento. Invece, cerca di inserire le keyword in maniera naturale e contestualizzata all’interno del testo.

Un altro suggerimento è quello di utilizzare anche keyword long tail, ovvero parole chiave composte da più termini che sono più specifiche e possono aiutarti a raggiungere un pubblico più mirato. Infine, non dimenticare di utilizzare anche keyword correlate, ovvero termini strettamente legati al tuo argomento principale: queste possono aiutarti a coprire un range di ricerca più ampio e a rispondere a un numero maggiore di query degli utenti.

Keyword density

Nel campo del SEO copywriting, la keyword density rappresenta la percentuale di volte in cui una parola chiave appare in un testo rispetto al numero totale di parole. Tuttavia, è importante sfatare alcuni falsi miti su questa metrica: non esiste una percentuale “magica” di keyword density che garantisca un posizionamento ottimale sui motori di ricerca. Piuttosto, è fondamentale che le keyword siano inserite in modo naturale e contestualizzato all’interno del testo. Ricorda, l’obiettivo principale è sempre fornire contenuti di valore per gli utenti, non riempire il testo di parole chiave a scapito della leggibilità e della qualità del contenuto.

Keyword proximity

La keyword proximity si riferisce alla distanza tra le tue parole chiave all’interno del testo. In termini di SEO, è generalmente considerato più favorevole quando le parole chiave che compongono una frase di ricerca appaiono vicine l’una all’altra nel testo. Questo perché i motori di ricerca, come Google, tendono a dare un peso maggiore alle parole chiave che sono più vicine tra loro, poiché questo può indicare una correlazione più stretta tra i termini e quindi un contenuto più rilevante per l’utente. 

Keyword prominence

Nel contesto del SEO copywriting, la keyword prominence fa riferimento a quanto presto nel contenuto di una pagina web appaiono le parole chiave. Tradizionalmente, si è pensato che posizionare le parole chiave all’inizio di un titolo, di un sottotitolo o di un paragrafo potesse avere un impatto positivo sul ranking di una pagina. Tuttavia, è importante sottolineare che l’uso naturale e contestualizzato delle parole chiave è molto più importante rispetto alla loro posizione nel testo. 

Studiare l’ottimizzazione dei competitor

Un aspetto fondamentale del SEO copywriting è lo studio delle strategie di ottimizzazione SEO dei competitor. Osservare i primi risultati posizionati per le parole chiave di nostro interesse può fornire spunti preziosi per la nostra strategia SEO. In particolare, identificare gli elementi comuni tra questi contenuti può aiutarci a capire quali caratteristiche dovremmo incorporare nei nostri testi per ottenere un buon posizionamento.

Nell’analisi dei contenuti dei competitor che si posizionano bene per le parole chiave alle quali ambiamo, è importante considerare diversi aspetti.

  • Prima di tutto, osserviamo come sono compilati i meta dati più importanti: questo può darci indicazioni su quali parole chiave utilizzare e come strutturare i nostri titoli e descrizioni.
  • È utile esaminare la struttura dei paragrafi della pagina e i sub-topic affrontati: questo può aiutarci a capire come organizzare i nostri contenuti in modo da essere il più possibile rilevanti e completi.
  • Anche la tipologia di media utilizzata all’interno del contenuto può essere significativa: l’uso di immagini, video o infografiche può influenzare il ranking del contenuto.
  • Infine, è fondamentale valutare il livello di profondità del contenuto: un testo che affronta un argomento in modo completo e dettagliato ha maggiori probabilità di posizionarsi bene nei risultati di ricerca. 

Lo sapevi? Il SEO copywriter è un a delle professioni più gettonate nel digital marketing. Scopri quali sono gli altri lavori digitali del futuro.

Lunghezza dei contenuti

Nel mondo del SEO copywriting, la lunghezza dei contenuti è un fattore che non può essere trascurato. Spesso si dice che “Content is King”, ma quanto lungo dovrebbe essere questo “king”? Non esiste una risposta univoca a questa domanda, in quanto la lunghezza ideale di un contenuto può variare a seconda dell’argomento trattato, del pubblico di riferimento e delle parole chiave target.

Tuttavia, è importante ricordare che la qualità del contenuto è sempre più importante della sua lunghezza, nel content marketing come nella SEO. Google e altri motori di ricerca premiano i contenuti che offrono valore agli utenti, che rispondono alle loro domande e che li aiutano a risolvere i loro problemi. Pertanto, è fondamentale concentrarsi sulla creazione di contenuti completi e approfonditi, piuttosto che su contenuti lunghi per il semplice fatto di essere lunghi.

D’altra parte, è anche vero che i contenuti più lunghi tendono a mantenere gli utenti sulla pagina per un periodo di tempo maggiore, il che può avere un impatto positivo sul ranking del sito. Tuttavia, è importante tenere presente che Google spesso non scansiona l’intera pagina per determinare il suo posizionamento. Quindi, il compromesso ideale potrebbe essere quello di creare contenuti sufficientemente lunghi da essere completi e approfonditi, ma non così lunghi da diventare ripetitivi o superflui.

Corredare il testo con le domande correlate

Un altro aspetto fondamentale del SEO copywriting è corredare il testo con le domande correlate. Spesso, gli utenti cercano informazioni su Google e altri motori di ricerca formulando la loro ricerca come una domanda. Per questo motivo, rispondere a queste domande all’interno del nostro contenuto può aiutare a migliorare il nostro posizionamento.

Esistono diversi strumenti che possono aiutarci a trovare le domande più frequenti relative al nostro argomento. Ad esempio, AnswerThePublic e AlsoAsked sono due strumenti molto utili che aggregano le domande degli utenti dai motori di ricerca. Queste domande possono poi essere utilizzate come base per creare contenuti ricchi e informativi.

Inoltre, è possibile trovare domande correlate direttamente nei motori di ricerca. Ad esempio, se cerchiamo una parola chiave su Google, spesso ci vengono mostrate delle “domande frequenti” correlate a quella parola chiave. Queste domande possono fornire ulteriori spunti per arricchire il nostro contenuto.

Incorporare queste domande e le relative risposte nel nostro testo non solo può aiutare a migliorare il nostro posizionamento, ma può anche rendere il nostro contenuto più utile e interessante per gli utenti. 

Rispettare l’architettura SEO: i tag heading

Nel campo del SEO copywriting, rispettare l’architettura SEO e utilizzare correttamente i tag heading è di fondamentale importanza. I tag heading, come H1, H2, H3 e così via, sono utilizzati per segnalare i diversi paragrafi e sottoparagrafi di un contenuto. Questi tag aiutano i motori di ricerca a capire la struttura del contenuto e a identificare le parti più importanti.

Il tag H1, ad esempio, dovrebbe essere utilizzato per il titolo principale del contenuto e dovrebbe includere la parola chiave principale. I tag H2 e H3, invece, possono essere utilizzati per i sottotitoli e dovrebbero includere le parole chiave secondarie.

Oltre a migliorare la leggibilità del contenuto per gli utenti, l’uso corretto dei tag heading può anche avere un impatto positivo sul posizionamento del sito nei motori di ricerca. Infatti, i tag heading rappresentano alcuni degli elementi HTML che Google tiene maggiormente in considerazione per la comprensione di un contenuto.

È quindi importante ottimizzare i tag heading inserendo le parole chiave individuate, ma senza mai compromettere la leggibilità del contenuto.

tavolo di un ufficio di seo copywriting con persone al lavoro al computer

Utilizzare sinonimi e contrari

Nel contesto del SEO copywriting, l’uso di sinonimi e contrari delle keyword è di fondamentale importanza. Questa strategia permette di arricchire il contenuto e di evitare ripetizioni eccessive, che potrebbero risultare penalizzanti per i motori di ricerca.

Google, grazie al suo avanzato sistema di Natural Language Understanding, è in grado di analizzare il contesto in cui una parola viene utilizzata e di comprendere la correlazione semantica tra i termini all’interno di una pagina. Questo significa che Google non si limita a considerare le parole chiave in sé, ma analizza anche i sinonimi, i contrari e i termini correlati.

Adottare sinonimi e contrari delle keywords alle quali si ambisce è quindi fondamentale per agevolare il processo di comprensione del significato della pagina web da parte dei motori di ricerca. Questa strategia può aiutare a migliorare il posizionamento del sito nei risultati di ricerca, aumentando così la visibilità del sito e la possibilità di attirare un pubblico più ampio. 

Compilare meta title e meta description

Nell’ambito del SEO copywriting, la compilazione del Meta Title e della Meta Description riveste un ruolo di fondamentale importanza. Il Meta Title, o Tag Title, è uno dei campi HTML più importanti per l’ottimizzazione SEO. Questo è il titolo che appare nei risultati di ricerca di Google e rappresenta il primo contatto con l’utente quando atterra in una SERP a seguito di una ricerca. Scrivere un titolo accattivante che contenga la keyword principale può influenzare significativamente il CTR (Click Through Rate), e di conseguenza, il posizionamento SEO.

La Meta Description, invece, è un breve riassunto del contenuto della pagina che appare sotto il titolo nei risultati di ricerca. Anche se Google non prende in considerazione la Meta Description ai fini del ranking, essa rimane fondamentale per fornire all’utente un’anteprima del contenuto della pagina. Una Meta Description ben scritta e persuasiva può convincere l’utente a cliccare sul nostro snippet piuttosto che su quello di un competitor. 

Curare la leggibilità del testo

La leggibilità del testo è un aspetto fondamentale nel SEO copywriting. Un testo leggibile è più facile da comprendere per gli utenti e può contribuire a migliorare l’esperienza dell’utente sul sito. È importante attenersi alle best practices di leggibilità e evitare il keyword stuffing, che può risultare penalizzante per i motori di ricerca.

Ecco alcuni consigli pratici per migliorare la leggibilità del tuo testo:

  • Evitare grandi blocchi di testo: I blocchi di testo molto lunghi possono scoraggiare la lettura. È preferibile suddividere il testo in paragrafi più brevi e gestibili.
  • Impostare paragrafi chiari: Ogni paragrafo dovrebbe trattare un singolo argomento o idea. Questo aiuta l’utente a seguire il flusso del testo e a comprendere meglio il contenuto.
  • Usare elenchi puntati: Gli elenchi puntati rendono le informazioni più facilmente digeribili e aiutano a rompere il testo.
  • Usare corsivo e grassetto: L’uso di corsivo e grassetto può aiutare a mettere in risalto le informazioni chiave e a guidare l’occhio dell’utente attraverso il testo.
  • Usare un vocabolario semplice: Un linguaggio semplice e diretto è più facilmente comprensibile per la maggior parte degli utenti.
  • Scrivere frasi brevi: Le frasi brevi sono generalmente più facili da leggere e da comprendere rispetto alle frasi lunghe e complesse.

Utilizzare contenuti visivi

L’uso di contenuti visivi nel SEO copywriting è un elemento che non va sottovalutato. Abbiamo già parlato di visual content marketing: immagini, infografiche, video e podcast possono arricchire notevolmente il contenuto di una pagina web, rendendola più interessante e coinvolgente per gli utenti. Questi elementi possono inoltre aiutare a spiegare concetti complessi in modo più semplice e intuitivo.

Ma non solo: l’ottimizzazione delle immagini è un aspetto fondamentale della SEO. Ogni immagine dovrebbe essere accompagnata da metadati appropriati, come il tag alt e il titolo dell’immagine, che aiutano i motori di ricerca a comprendere il contenuto dell’immagine. Anche il nome del file dell’immagine dovrebbe essere descrittivo e contenere, se possibile, la keyword principale.

Ricorda sempre che l’obiettivo principale del SEO copywriting è fornire contenuti di valore che rispondano alle esigenze degli utenti. L’uso di contenuti visivi può contribuire a raggiungere questo obiettivo, migliorando l’esperienza dell’utente e aumentando le possibilità che il tuo contenuto venga condiviso e linkato da altri siti web.

Inserire link interni

L’uso di link interni è un aspetto fondamentale del SEO copywriting. I link interni servono a collegare diverse pagine dello stesso sito web tra loro, creando una rete di collegamenti che aiuta i motori di ricerca a capire la struttura del sito e a indicizzare le pagine in modo più efficace.

L’internal link building, ovvero la creazione di una rete di link interni, dovrebbe essere curata con attenzione. Ogni link dovrebbe essere pertinente e utile per l’utente, collegando pagine che trattano argomenti correlati o che possono fornire informazioni aggiuntive sullo stesso argomento.

Inoltre, l’uso di anchor text descrittivi aiuta i motori di ricerca a capire il contenuto della pagina collegata. Evita di usare anchor text generici come “clicca qui” o “leggi di più”, e opta invece per anchor text che descrivano il contenuto della pagina collegata.

Inserire link esterni

Oltre ai link interni, nel SEO copywriting è importante considerare anche l’uso di link esterni. I link esterni, o backlinks, sono collegamenti che puntano al tuo sito web da altre pagine web. Questi link sono fondamentali per la SEO, poiché i motori di ricerca li interpretano come un segno di autorità e rilevanza del tuo sito.

La link building, ovvero l’attività di acquisizione di link esterni, è un processo che richiede tempo e strategia. È importante cercare di ottenere link da siti web autorevoli e pertinenti al tuo settore. Questo non solo migliora il posizionamento del tuo sito nei motori di ricerca, ma aiuta anche a portare traffico qualificato al tuo sito.

Tuttavia, è importante fare attenzione alla qualità dei link esterni. I motori di ricerca penalizzano i siti che utilizzano tecniche spam o manipolative per acquisire link. Pertanto, è fondamentale concentrarsi sulla creazione di contenuti di alta qualità che gli altri siti web vorranno collegare naturalmente.

persona condivide contenuti della seo copywriting sui social media con un telefono e riceve responso

Rendere i contenuti condivisibili

Nell’ambito del SEO copywriting, un aspetto che non va mai sottovalutato è la condivisione dei contenuti. Creare contenuti di alta qualità è fondamentale, ma è altrettanto importante assicurarsi che questi contenuti siano facilmente condivisibili. Questo aiuta a diffondere i tuoi contenuti a un pubblico più ampio, aumentando la visibilità del tuo sito e migliorando il tuo posizionamento nei motori di ricerca.

Un modo efficace per rendere i contenuti condivisibili è inserire bottoni per la condivisione sui social media nelle tue pagine web. Questi bottoni permettono agli utenti di condividere i tuoi contenuti con un solo clic, facilitando la diffusione dei tuoi contenuti sui vari canali social.

Inoltre, è importante promuovere attivamente i tuoi contenuti sui tuoi canali social. Questo non solo aiuta a raggiungere un pubblico più ampio, ma può anche incoraggiare altri a condividere i tuoi contenuti, creando un effetto virale.

Scrivere testi coinvolgenti e accattivanti

Nel campo del SEO copywriting, non basta semplicemente ottimizzare i contenuti per i motori di ricerca. È altrettanto fondamentale creare testi coinvolgenti e accattivanti che catturino l’attenzione dell’utente e lo inducano a leggere fino alla fine. Dopotutto, il tuo obiettivo è fornire contenuti di valore che rispondano alle esigenze degli utenti.

Per scrivere testi coinvolgenti, è importante concentrarsi sulla qualità del contenuto. Questo significa fare ricerche approfondite sull’argomento, presentare le informazioni in modo chiaro e organizzato e utilizzare un linguaggio che sia facilmente comprensibile dal tuo pubblico target.

Inoltre, è importante rendere i tuoi testi accattivanti. Puoi farlo utilizzando titoli e sottotitoli interessanti, introducendo domande retoriche per coinvolgere il lettore, utilizzando storytelling o esempi per illustrare i tuoi punti e inserendo call-to-action efficaci per guidare l’utente verso l’azione desiderata.

Utilizzare Call-To-Action

Un elemento fondamentale nel SEO copywriting sono le CTA, o Call To Action. Le CTA sono inviti diretti all’azione che guidano l’utente verso il passo successivo, che può essere l’acquisto di un prodotto, la sottoscrizione a una newsletter, la richiesta di un preventivo o qualsiasi altra azione che tu desideri che l’utente compia.

Le CTA sono importanti perché servono a guidare l’utente lungo il percorso di conversione, aumentando la probabilità che compia l’azione desiderata. Inoltre, una CTA ben formulata può aumentare l’engagement dell’utente e migliorare la performance del tuo sito nei motori di ricerca.

Per essere efficace, una CTA deve essere chiara, concisa e direttamente correlata all’azione che vuoi che l’utente compia. Inoltre, dovrebbe essere posizionata in modo strategico all’interno del tuo contenuto, preferibilmente vicino alla fine, dopo che hai fornito tutte le informazioni necessarie per convincere l’utente a compiere l’azione.

Ricorda sempre che il SEO copywriting non si limita a ottimizzare i contenuti per i motori di ricerca, ma include anche la creazione di contenuti di valore che rispondano alle esigenze degli utenti e li guidino verso l’azione desiderata. L’utilizzo di CTA efficaci può aiutarti a raggiungere questo obiettivo.

L’importanza del lavoro da SEO copywriter nelle aziende

La figura del SEO copywriter sta diventando sempre più centrale nelle strategie di marketing delle aziende. Questo professionista, specializzato nell’arte di scrivere contenuti ottimizzati per i motori di ricerca, svolge un ruolo fondamentale nell’aumentare la visibilità online di un’azienda e nel guidare il traffico verso il suo sito web.

L’importanza del lavoro da SEO copywriter nelle aziende risiede principalmente nella sua capacità di combinare tecniche di scrittura persuasiva con strategie SEO. Questo consente alle aziende di raggiungere un pubblico più ampio, migliorare il posizionamento nei risultati dei motori di ricerca e aumentare il tasso di conversione.

Inoltre, un SEO copywriter può aiutare le aziende a creare contenuti di valore che rispondano alle esigenze degli utenti, migliorando l’engagement e la soddisfazione dell’utente. Questo può portare a una maggiore fidelizzazione del cliente e a un aumento delle vendite a lungo termine.

dito di un seo copywriter scrive su tastiera del computer

Strumenti per la SEO copywriting

Ne abbiamo già nominati alcuni: nel mondo del SEO copywriting, esistono numerosi strumenti che possono facilitare e ottimizzare il lavoro.

Ecco alcuni dei più utili:

  • Semrush: una piattaforma completa per la SEO, offre strumenti per la keyword research, l’analisi dei backlink, l’audit del sito e molto altro.
  • SEOZoom: uno strumento tutto italiano che offre funzionalità per la keyword research, l’analisi della concorrenza e l’ottimizzazione on-page.
  • Google Search Console: un servizio gratuito offerto da Google che aiuta a monitorare e risolvere i problemi di presenza del tuo sito nei risultati di ricerca di Google.
  • Google Trends: uno strumento che mostra come la popolarità di una parola chiave è cambiata nel tempo.
  • Canva: una piattaforma di design grafico che consente di creare immagini accattivanti per i tuoi contenuti.
  • AlsoAsked: uno strumento che mostra le domande correlate a una determinata parola chiave, utili per capire l’intento di ricerca degli utenti.
  • Ubersuggest: uno strumento per la keyword research che offre anche funzionalità per l’analisi dei backlink e l’audit del sito.
  • Bitly: un servizio per accorciare i link, utile per monitorare il click-through rate delle tue CTA.
  • Unsplash e Flickr: due piattaforme dove trovare immagini ad alta risoluzione da utilizzare nei tuoi contenuti.
  • SEOMofo: uno strumento che permette di visualizzare in anteprima come apparirà il tuo sito nei risultati di ricerca di Google.
  • Moz: una piattaforma completa per la SEO che offre strumenti per la keyword research, l’analisi dei backlink, l’audit del sito e molto altro.
  • Ahrefs: uno strumento potente per l’analisi dei backlink e la keyword research.

SEO copywriting: libri

Per approfondire ulteriormente il mondo del SEO copywriting, esistono numerosi libri che possono fornire spunti e consigli preziosi. Ecco alcuni dei più importanti:

  • The Art Of SEO di Eric Enge: un testo fondamentale per chiunque voglia capire come funziona la SEO. Il libro copre tutti gli aspetti della SEO, dal link building all’ottimizzazione on-page, rendendolo una risorsa indispensabile per i professionisti del settore.
  • Manuale di SEO Gardening di Francesco Margherita: questo libro propone un approccio alla SEO basato sulla cura costante e l’attenzione ai dettagli, proprio come si farebbe con un giardino. Un manuale pratico e ricco di esempi utili per chi vuole migliorare il posizionamento del proprio sito.
  • Entity SEO di Dixon Jones: in questo libro, l’autore esplora il concetto di entità SEO e spiega come sfruttarlo per migliorare il posizionamento nei motori di ricerca. Un testo avanzato, ideale per chi ha già una buona conoscenza della SEO e vuole approfondire temi più specifici.

Altri libri da aggiungere alla libreria del SEO copywriter e di tutti gli appassionati di digital marketing sono: SEO 2021: Learn search engine optimization with smart internet marketing strategies di Adam Clarke e SEO Fitness Workbook: The Seven Steps to Search Engine Optimization Success on Google di Jason McDonald. Entrambi offrono una panoramica completa delle tecniche di SEO più attuali e forniscono strategie concrete per migliorare la visibilità online.

La sfida del SEO copywriting non finisce con la prima posizione su Google. Il vero obiettivo è creare connessioni, generare engagement e trasformare i lettori in fedeli sostenitori del tuo brand.

Scopri come narrare la tua storia in modo efficace e coinvolgente iscrivendoti al Storytelling Festival 2024, un’immersione totale nel mondo dell’innovazione narrativa.

SEO copywriting: corso

Se sei interessato a un percorso formativo strutturato, esistono numerosi corsi di SEO copywriting che possono aiutarti a migliorare le tue competenze. Questi corsi, disponibili sia in formato online che in presenza, coprono una vasta gamma di argomenti, tra cui la keyword research, l’ottimizzazione on-page, la scrittura persuasiva e molto altro.

Quando scegli un corso di SEO copywriting, ci sono alcuni aspetti che dovresti considerare. Prima di tutto, assicurati che il corso copra tutti gli aspetti fondamentali della SEO copywriting. Questo include non solo la teoria, ma anche la pratica: un buon corso dovrebbe offrire esercizi pratici e casi studio per aiutarti a mettere in pratica quello che hai imparato.

Inoltre, è importante considerare la reputazione del corso e degli istruttori. Cerca recensioni online e chiedi consigli a colleghi o amici che hanno seguito corsi simili. Infine, considera il tuo budget e il tuo livello di esperienza: alcuni corsi sono più adatti ai principianti, mentre altri sono pensati per professionisti già esperti.

Ricorda, tuttavia, che un corso è solo uno degli strumenti a tua disposizione per migliorare le tue competenze in SEO copywriting. La pratica costante e l’aggiornamento continuo sono altrettanto importanti per rimanere al passo con le evoluzioni del settore.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *